buoni e cattivi, indetto un referendum dai buoni

buoni e cattivi, indetto un referendum dai buoni

spesso scherzo per nun piagne

cusì come me và de scherzà

sulla buriana che colleghi

che se credono li detentori

de la verità

stanno a fà

a loro ce verseggio

o come bella sta rappresentanza

di sti colleghi che sanno tanto assai

la raccontano con euforia

de come loro sanno fare e comannà

pensioni nun san far

la sanno raccontà

però li gettoni loro

sanno come pijà

al sol de roma bella

al sol de roma bella

colleghi poltronari

avete da guadagnà

dicenno che fate

continuanno a nun fà

o come è bella la rappresentanza

o come è bello stare a comannà

a raccontarla alli colleghi

de come ve state a preoccupà

l’idea der referendum

è proprio na trovata

dovreste farne n’artro

per sapè la verità

su quello che pensano

nun solo gli ottomila che ve stanno

ad osannà

ma tutti quanni gli artri

che nun ve stanno a filà

Giuseppe Latte

liberamente tratta dall’uva fogarina

 

 

Continua →
idea geniale….: il referendum telematico

idea geniale….: il referendum telematico

de certo la mejo scola

ner paese nostro

è quella ndò se formano

e se son formati

li reucci der paese

per farla breve

la scola ove s’empara ad esse

politicanti

a questa scola ce son stati

pure li baronetti e li cardinali

che oggi stanno a sedè

sulle poltrone de li molti enti

che nun dovrebbero esserci

ma che noi avemo

sti signori

esperti pure loro nella panzaneria

se nventano cose

per fà caciara

per dimostrà alli accoliti loro

quanno son bravi

in questi jorni arcuni

de questi baronetti

hanno indetto

er referendum telematico

per tutelà

dicono loro

la professione

da li non addetti

a me me pare na bojata

pe tutelà rearmente

l’odierna e la futura categoria

se dovrebbero occupà

de artra robba

ma questo nun lo posson fà

romperebbero li cojoni ad artri baroni

arcuni più potenni

utilizzanno pertanto

quello che han studiato

me pare morto bene

cercanno de abbindolà

er popolo affamato

raccontanno che la fame

è causata da tutta sta gente nova

ch’è arrivata

che s’accaparra er cibo

per la strada

ma grazie al referendum

riusciranno a farli tutti fori

Giuseppe Latte

 

Continua →
popolo svegliati esci dal letargo

popolo svegliati esci dal letargo

popolo

perché sei addormito

dato che permetti tutti li soprusi

che te fanno

forse nun te ne accorgi

preso come sei

dalla champion

dar giro

dar campionato

da la fiction

da li vari tormentoni

che te propinano

da li debiti

dalla paura de dovè fa

l’acqua ar momento ancora ce l’hai

datte na lavata

svejate

fa sentì la tu voce

per comincià a cambià

quarcosa

Giuseppe Latte

Continua →
la tristezza mi permette di assaporare la gioia

la tristezza mi permette di assaporare la gioia

tristezza

spesso m’assali

ner mio camminà ner monno

fame

guerre

martrattamenti

violenze

soprusi

lacrime

dolori

lutti

de tutto de più

me te vivo

nun me lascio trascinà

me basta riguardamme attorno

osservo la natura

ndò ce leggo armonia e vita

cusì tristezza me saluta

lasciannome assaporà

la gioia

de esse ancora in grado

de rimirà tutta sta bellezza

Giuseppe Latte

 

 

Continua →
li ciuchi al potere son portatori di rovina

li ciuchi al potere son portatori di rovina

li ciuchi riusciti

ad annà ar potere

co stratagemmi

rajano a più non posso

brucanno de tutto de più

fregannose der popolo

de li animali

che sta zitto

lascianno fà

cercanno de brucà

de caccià

facenno la loro vita

nun rennennose conto

che l’erba da brucà

è sempre meno

li ciuchi

abbisogna dirlo

se mpegnano a far piazza pulita

pure le prede da caccià

sò in diminuzione

l’aria è addiventata irrespirabile

a forze de le curregge de li ciuchi

come se sà agli animali

nun è dato da pensà

ce vorrebbe un miracolo

allora potrebbero comprenne

che arriunennose tutti quanni

potrebbero azzittì li ciuchi

li potrebbero spinge in territori

inariditi

levanno loro la possibilità

de spojà stà povera terra

danno alla natura la possibilità

de ritornà ad esse rigogliosa

in grado de dà a tutti

di che vive

senza difficoltà

Giuseppe Latte

 

 

 

Continua →
le fiduciarie, creatrici di fortune

le fiduciarie, creatrici di fortune

leggenno

apprenno

che ancora oggi nun se sà

de come arcuni che stanno

a imperversà ner paese nostro

han fatto tutti li mijardi

che oggi hanno

basterebbe ripercorre

la storia

quanno ner paese nostro

c’erano tante fiduciarie

che raccoglievano er danaro

tra la gente

promettenno tassi favolosi

forse gli addetti

potrebbero capì er come

quello fu pure er periodo

in cui li buoi

er popolo

perse cifre da capogiro

900 mijardi de lire

650 mijardi de lire

350 mijardi de lire

50 mijardi de lire

queste le clamorose

de moltissime artre

s’è perso er conto

che devo aggiunge

gniente

posso solamente dì

che molte cose sò evidenti

solo a volerle vedè

Giuseppe Latte

 

Continua →