meno male che ci sono i saldi, devo comprà due camici

meno male che ci sono i saldi, devo comprà due camici

dato che ci son li saldi

devo comprà due capi

da aggiungere ar guardaroba

con l’anno novo

sentennome oramai parte integrante

della sanità

ho necessità di avè due camici

da indossà appena arrivo a studio

averli solo bianchi

m’annoia un pò

ma li colleghi medici

li hanno bianchi

se me devo amalgamà

me tocca stò colore

me pongo na domanna

mentre sto a pensà all’acquisto

quanno facevo parte de n’artro ministero

nun me mettevo mica la toga

per star con li pazienti

quindi potrei fa la stessa cosa

nun me metto er camice

continuanno a vestirme come me pare

ma allora nun me riconosceranno

come dottore

facente parte della sanità

nun avrei la stessa dignità

uffa

ne comprerò due

li lascerò appoggiati sulla chaise longue

li pazienti li vedranno

me riconosceranno

ed io continuerò a vestì

come me pare

Giuseppe Latte

Continua →
le riflessioni della lupa capitolina

le riflessioni della lupa capitolina

la lupa capitolina l’ho vista

questa notte in sogno

oddio com’era rinsecchita

guardannola er core me batteva

a più non posso

me son fatto forza

che t’è successo

perché sei così arridotta

che te devo dì

troppa gente s’attacca

alle zinne mie

me succhianano tutta

a più non posso

a breve me spolperanno

pure ste quattr’ossa

che posso fa per te

gli ho rimandato

cerca se te è possibile

de svejà  er popolo

dicenno quel che vedi

nun è detto che te credano

ma che mporta

quanno  sarò morta io

se rifaranno su de loro

alli capoccia nun deve mancà er cibo

spolperanno er popolo

come già stanno a fa in parte ora

dato che nun je basto più

compito der popolo è dare

da magnà alli capoccia

speramo che se svegli

potrebbe fa quarcosa

oggi intontito com’è

dalle panzane che je raccontano

se ne stà bono

lassannose fa de tutto

la verità vetusta è questa

come sempre

li caporioni hanno da campà ar mejo

er popolo de contro

deve continuà

a nun valè un cazzo

Giuseppe Latte

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua →
anno nuovo iniziato con certezze

anno nuovo iniziato con certezze

l’anno novo è iniziato co na certezza

la ripresa c’è

abbiamo i dati

la monnezza è aumentata

confrontando li consumi degli altri anni

almeno nella capitale

de mille tonnellate

questo ce dice che c’è benessere

er popolo stà finalmente mejo

li nostri caporioni son tutti indaffarati

nel posizionà

li tavolini nelle varie piazze

per riprendennere er lavoro loro

quello de cui so esperti

er gioco de tre carte

devono imbonì er popolo

stanno a preparà li  scherzi

le battute

le promesse

devono inscenà de tutto

per attirarlo a giocà

ar tavolino loro

li degni compari da avè accanto

son già pronti

son quelli preparati per creare

l’illusione che puoi vince

vincita stà a significà tranquillità

c’è da dì che grazie a ste feste

er popolo è rasserenato

rappacificato con er monno

più credulone

ha mangiato a volontà

ha visto tante partite

la maggior parte ha fatto le vacanze

con li soldi delle finanziarie

c’è stato pure

er compleanno della costituzione

na bella donna un pò rifatta

spesso poco rispettata

da li nostri maci caporioni

ha compiuto settant’anni

visto come se allungata la vita

probabilmente per altri dieci anni

camperà

nun so se ha fatto er testamento biologico

visti gli acciacchi

potrebbe sempre decide

de morì prima

er compleanno de la bandiera

che ce hanno propinato

e stato un figata

nun l’ho capita bene

i media ci hanno detto che

son ducentoventunanni che abbiamo

lo stesso tricolore

son cambiati solo li simboli incisi sopra

me pare de sentì un’antica voce

se vogliamo che tutto rimanga com’è

bisogna che tutto cambi

all’apparenza ce l’aggiungo io

c’è da riflette

ma nel frattempo godiamoce

st’inizio d’anno novo

Giuseppe Latte

 

 

 

 

 

Continua →
la simbologia ed suo potere

la simbologia ed suo potere

ner paese nostro

dopo un anno e passa de governo

de personaggi che nun aveva scelto

il popolo

se tornerà a votare

li caporioni stanno ad organizzà

le alleanze loro

in modo che comunque vada

nessuno perda la poltrona

quella è la loro

oggi devono litigà

se devono accusà

devono far scena

ora ce stanno pure dei parvenu

che rompono li cojoni

vorrebbero o almeno così dicono

cambià le cose

questo è inaccettabile per la casta

ecco la trovata

er popolo ha bisogno de na fede

la cosa giusta

ritirà fori lo storico simbolo

er popolo è tradizionalista

prima aveva la corona

poi je stato dato lo scudo co la croce

s’erano affezionati

abbisogna rimetterla

così er popolo pure questa volta

per nun fa peccato

ridarà er voto alla croce

la casta sarà salva

er popolo contento

dato che avrà pure avuto

l’indulgenza

nun cambierà nulla

ma la croce illuminerà l’apparente

cammino

de la nostra civiltà

Giuseppe Latte

Continua →
riflessioni d’inizio anno dopo il decreto

riflessioni d’inizio anno dopo il decreto

nell’esercitanti la professione mia

continua ad esserci euforia

dato che semo stati riconosciuti

dalla sanità

ne famo parte

pur non volenno offenne nessuno

specialmente li caporioni nostri

che son de na suscettibilità

spropositata

nun propensi a sopportà

critiche da niuno

de fatto s’incazzan come iene

giustificanno il loro fare missionario

mannanno a tutti mail

esplicitanti li sacrifici fatti da loro

per agevolà er lavoro nostro

tengo a ribadì che a me

st’inglobamento nella sanità

nun me convince

me pare de capì da li fatti

che oggi alla sanità

importa sega dell’umano essere

vista l’abbondanza

son solo costi esorbitanti

de fatto pur essennoci necessità

de personale

nun assumono nessuno

dovrebbero assume noi

erogatori di benessere fisico

mentale e sociale

son più pratiche e costan meno

le pilloline

se me inorgoglisco vedennome

accanto ar medico di base

dovrei pure pormi la domanda

ma chi me paga

er medico rinuncianno ar suo

o la sanità togliennoli a lui

la vedo dura

la casta nun se tocca

consideranno pure che la nostra professione

è ancora infante nella nostra nazione

ancora non in grado de camminà

come farà a chiedere al papà

detto sanità

de avè la dignità che le compete

Giuseppe Latte

 

 

 

 

 

 

Continua →